Cronaca Parrocchiale
18.06.2010. CONSIGLIO PASTORALE INTERPARROCCHIALE
La sera del 18 giugno si sono riuniti nel salone della nostra chiesa madre i Consigli pastorali delle 5 parrocchie, convocati in seduta congiunta per il seguente ordine del giorno: 1. Riflessioni sui problemi della Pasqua di quest'anno 2. Pastorale giovanile interparrocchiale. Erano presenti i 5 parroci con i rappresentanti delle varie comunità. Ha presieduto il vicario generale mons. Giuseppe Satriano. Poichè l'incaricato di pastorale giovanile interparrocchiale, padre Pasquale Agostino, è assente per motivi di salute, si è preferito differire il secondo punto ad altra occasione, e così è restato più spazio per la trattazione del primo.

In apertura di seduta mons. Satriano ha evidenziato il valore positivo di questo incontro e ha invitato a viverlo in modo costruttivo. Poi ha passato la parola a don Fabio, che ha dato alcuni chiarimenti utili ad una migliore comprensione dei fatti ( vedi sotto).Sono iniziati quindi i numerosi interventi dei laici delle diverse parrocchie, concordi nell'esprimere il rammarico della popolazione.

I parroci, tranne due brevissimi interventi, si sono messi in atteggiamento di ascolto. Al termine dell'incontro,durato circa due ore, mons. Satriano ha detto che sicuramente ci saranno altri momenti di approfondimento, e intanto ha assicurato che rifletterà sui vari interventi ascoltati e ne parlerà con l'arcivescovo. Riteniamo utile riportare ciò che ha detto pubblicamente don Fabio:

PER COMPRENDERE LA GENESI E LE MOTIVAZIONI
DI QUANTO E’ ACCADUTO QUEST’ANNO A PASQUA

Già da diversi anni (almeno da 9 anni) i sacerdoti delle altre parrocchie avevano manifestato sia all’arcivescovo, sia all’arciprete (a quello di ieri e a quello di oggi), l’intenzione di non mandare più le statue dei santi in chiesa madre nella notte di Pasqua. Questa intenzione era stata già attuata in modo sperimentale in due parrocchie (S.Domenico e Mercede ) e poi è rimasta confermata per la parrocchia della Mercede. Ogni anno fino all’ultimo rimaneva molta incertezza al riguardo. E allora, a settembre 2009, con largo anticipo, l’arcivescovo Talucci ha chiarito per iscritto che nessun parroco era obbligato a mandare, anzi potevano sentirsi dispensati. Per tutto questo, prima della Quaresima 2010, l’arciprete-parroco di S. Maria della Vittoria ha chiesto ai confratelli parroci come pensavano di regolarsi, in modo tale da predisporre le cose per la Veglia pasquale. Tutti - all’unanimità - hanno detto che non intendevano mandare, ritenendo che la gente fosse ormai preparata. Si è deciso allora che l’ingresso dei Santi al momento del “Gloria” sarebbe avvenuto con le statue della chiesa madre. Sarebbe venuta da fuori solo l’immagine dell’Immacolata, per dare speciale onore alla Madre di Dio, attraverso il segno di un’immagine mariana venerata in tutto il paese. Al termine dell’incontro ci si è lasciati, convinti di aver maturato una decisione equilibrata, con l’impegno per ognuno di darne comunicazione alla propria parrocchia nel modo più opportuno. E’ pur vero purtroppo che in seguito qualche parroco, sotto pressione emotiva, si è lasciato sfuggire espressioni interpretate in maniera ingiusta verso altri sacerdoti, ma a mente serena la verità può e deve essere ristabilita pacificamente.

Le motivazioni dell’arcivescovo e degli altri parroci: un tempo, prima del Concilio, la Veglia Pasquale (o Gloria ) si svolgeva solo nelle chiese matrici e a mezzogiorno; le altre chiese rimanevano chiuse, e quindi non c’era difficoltà ad andare tutti, persone e statue, in chiesa madre. Oggi la Veglia si svolge in tutte le chiese parrocchiali e con tutta la dignità liturgica. Non è bello far partire le statue con gli accompagnatori, come se nelle altre chiese parrocchiali la Veglia non si svolgesse. La tradizione dell’ingresso dei Santi in chiesa madre non viene abolita, ma rimane, sebbene con altre statue.
 
Data: 19/06/2010
Fonte:
Copyright 2020 © Basilica di Santa Maria della Vittoria - S. Vito dei N. (BR)   |   Arcidiocesi di Brindisi - Ostuni   |   Credits
Accessi Unici dal 13/03/2009: 1070
Indirizzo IP: 52.3.228.47Tempo di elaborazione della pagina: 0,0273 secondi